Archivi per la categoria: User Generated Advertising

Italia 1 non è nuova a iniziative che coinvolgono gli utenti finali.
Sono infatti almeno dieci anni che gli spettatori esclamano “Italia… uno!” nei famosi ‘bumper’ al termine di ogni break pubblicitario (ne parlo anche qui) affermando il loro legame con la rete.

Da pochi giorni il canale televisivo ha lanciato una nuova iniziativa partecipativa: PromONE, dove tutti sono invitati a diventare “pubblicitari” e realizzare un “promo” per il lancio di uno dei programmi di punta di Italia 1. Praticamente un invito da spettatore a spettatore.

L’iniziativa è così descritta nel sito:

Benvenuto telespettatore di Italia uno, grazie per essere qui. Velocemente ti spieghiamo l’iniziativa PromONE. E’ un progetto per chi vuol cimentarsi nell’arte dei “promo”, ossia nella ricerca del modo più bello, più funzionale e più creativo di invitare un telespettatore a guardare un determinato programma.

Come puó essere il tuo promo? Puó essere ironico ma non per forza, puó anche essere serio, drammatico, allegro, artistico, in ogni caso deve basarsi  su un’idea per pubblicizzare il programma che hai scelto.

Puoi farlo recitato, puoi farlo in grafica, puoi costruire qualunque immagine (dalla plastilina fino al 3D) puoi fare tutto quello che vuoi, purché ci siano nel tuo promo solo materiali originali”.

Per venire incontro a tutti Italia 1 ha previsto molti modi per partecipare, con regole facile ben descritte nel regolamento completo (qui). Le riassumo a grandi linee: promo compreso tra 10 secondi e un minuto, promozione di uno dei programmi di Italia 1 raggruppati in due categorie. Le categorie e i programmi sono News e Intrattenimento (Studio Aperto, Mistero, Colorado, Le Iene, Wild, I Simpson, Studio Aperto) e Series (CSI, Dottor House, Grey’s Anatomy). Il promo deve riguardare un solo programma.

Il proprio promo oltre ad essere realizzato con qualsiasi tecnica, può essere inviato via posta o uploadato nel sito di PromONE (qui).

Cosa aspettate a inviare il vostro?

Annunci

In questi giorni l’Art Directors Club Italiano si interroga sul fenomeno del Crowdsourcing in relazione al Concorso indetto dal Ministero del Lavoro sulla piattaforma Zooppa.
E’ un tema complesso, controverso, molto legato alle modalità della rete.

Ha a che fare con il lavoro o è un gioco? Le opinioni sono differenti, si mette l’accento soprattutto sulle piattaforme di User Generated Advertising. Ci si chiede se lavorare alle Competition sia un’opportunità affascinante da parte delle aziende per fare le cose assieme alle persone, o sfruttamento di creativi sottopagati.

Sicuramente all’interno del mondo della creatività italiana c’è il desiderio di saperne di più. Magari dalla voce di un insider.

Stefano Torregrossa ha analizzato dall’interno il fenomeno del Crowdsourcing e lo ha raccontato attravero gli occhi di un graphic designer curioso nel libro Masse Creative, Il fenomeno del crowdsourcing: rivoluzione o fregatura?

Nel libro, scaricabile in download gratuito qui, Stefano ripercorre la storia del Crowdsourcing, ne analizza i pro e i contro dal punto di vista dell’azienda, della piattaforma, del creativo e dell’agenzia.
Si chiede se c’è la fregatura. Lo fa attraverso ottimi articoli, interviste esclusive a Alessandro Cappellotto di Zooppa e Bruno Pellegrini di UserFarm e le opinioni degli zoopers, i membri della community.

Masse Creative è un bel libro. Stefano scrive bene e racconta in modo completo e neutrale il fenomeno del Crowdsourcing con uno stile fresco, tanta infografica, ma soprattutto lasciando a noi il piacere di trarre le conclusioni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: