Archivi per la categoria: Cinema

L’immagine dell’Italia che mi hanno restituito questi 45.000 video è quella di un paese sofferente ma con dignità, speranzoso verso il futuro. C’è un senso di ‘tenerezza’ verso la vita, verso l’umanità, che ho trovato positivo per quanto mi riguarda.”

Gabriele Salvatores, regista di Italy in a day

Italy in a day locandina via partecipactiveDopo essere stato presentato fuori concorso alla 71esima Mostra del Cinema di Venezia, Italy in a day, un giorno da italiani arriva finalmente al grande pubblico. Questa sera nei cinema per un’unica proiezione e sabato 27 settembre in prima serata su RaiTre.

Il film collettivo diretto da Gabriele Salvatores ha avuto una lunga gestazione. Come ricorderete (ne avevo parlato qui) era stato richiesto agli italiani di filmare la loro vita, durante le ventiquattr’ore di sabato 26 ottobre 2013. Degli oltre 44.000 video ricevuti, solo 632 sono entrati nel montaggio definitivo.

In attesa di commentare il film o  di trovare il cinema più vicino (qui) godiamoci il trailer:

Annunci

Springsteen_and_I-movie_poster-via_partecipactive

Springsteen & I è un docufilm diretto da Baillie Walsh che racconta la vita e la carriera di Bruce Springsteen.

Fin qui tutto normale: il Boss è un grande artista, ha decine di milioni di fan, sono 40 anni che calca i palcoscenici del pianeta e un tributo del genere è doveroso. Ciò che ha di speciale questo film è che lo fa attraverso gli occhi, i video e le foto personali e le opinioni dei suoi fan in tutto il mondo.

.

Il film, uscito nelle sale cinematografiche il 22 luglio 2013, è prodotto da Ridley Scott e dalle case di produzione Ridley Scott Associates, Black Dog Films e Scott Free Productions. Se siete appassionati di progetti di cinema partecipativo il nome del produttore ma soprattutto quello della Scott Free Production vi faranno subito pensare a Life in a Day, il film realizzato conclip filmate girate dagli utenti, che ha ispirato il film di Walsh ma anche il recentissimo italianissimo Italy in a Day (ne parlo qui).

La raccolta dei materiali dei fan, fotografie, video, pensieri e riflessioni su come la musica del Boss ha influito nella loro vita, è avvenuta tramite Internet e il social network. Questa la call-to-action diretta ai fan da Welsh in persona:

We are searching for a wide variety of creative interpretations, captured in the most visually exciting way you can think of, whether you’ve been a hardcore Tramp since ’73 or have heard one of his songs for the first time today!
If you have a parent, a sibling, a neighbor or a colleague who has an interesting tale, we want to know about them. If you can’t use a camera or are not sure how to capture your story then get in touch and we will link you up with someone who can!”

springsteen-&-I-youtube-trailer_via-partecipactiveIl successo dell’operazione è stato enorme e in due settimane la produzione, attraverso la piattaforma online (qui), ha ricevuto dai fan migliaia di contributi per un totale di 300 ore di girato. Quantità che non ha spaventato Walsh, che ogni giorno per 6 mesi, ha visionato e ascoltato le storie dei fan e ha contribuito a girare – come promesso nella call-to-action – quelle dei meno tecnologici.

Molto del materiale inviato è presente nel sito dell’iniziativa in un poster interattivo che è un vero tributo ai fan e alla loro passione per The Boss. Lo potete vedere qui.

Springsteen_and_I-interactive_poster-via_partecipactive

.

Articoli correlati: Fatto dai fan per i fan. Live in Praha, il DVD crowdsourced dei Radiohead. Con NatGeo un ‘instant doc’ partecipativo per raccontare la tragedia della Costa Concordia.

Materiali fotografici e video tratti dal sito Springsteen & I e dal relativo canale YouTube.

italy-in-a-day_via-partecipactive_rai_salvatores

È un autunno decisamente ricco di progetti partecipativi quello di RaiCinema. Dopo il lancio di Melt-a-plot (ne ho parlato qui) è la volta di Italy in a day, un grande esperimento di cinema collettivo che darà origine a un film documentario che racconterà un giorno nella vita degli Italiani.

Il progetto, prodotto da RaiCinema, Indiana Production e Scott Free, chiedi agli italiani di prendere parte alla sua realizzazione in modo attivo, filmando la propria vita durante tutte le ventiquattr’ore di sabato 26 ottobre.

Gabriele Salvatores, supervisionerà la scelta di tutto il materiale inviato dagli Italiani e li monterà in un grande unico film, un’istantanea dell’Italia che nasce dallo sguardo degli italiani in un momento di grande cambiamento.
Per facilitare il lavoro di scrematura è stato suggerito di suddividere i contributi in 4 diverse categorie: “Cosa ami?“, “Di cosa hai paura?“, “In cosa credi?” e “Qual è la tua Italia?“.

Il progetto si collega alla precedente esperienza di Life in a Day ideato e realizzato dal grande regista Ridley Scott nel 2010. Seguita poi da Britain in a Day Japan in a Day, film collettivi di grande successo realizzati in Gran Bretagna e in Giappone.
Italy in a day durerà circa 90 minuti, sarà pronto per l’autunno 2014 e oltre a essere messo in onda nel prime time di RaiDue uscirà anche nelle sale cinematografiche. Tutte le informazioni per partecipare le trovate nel sito del progetto (qui).

.

Grazie a Stefano Stefigno Leotta per la segnalazione.
Video tratti dal canale YouTube della Rai e dal sito del progetto.

melt-a-plot-website-via-partecipactive-scrittura-collettiva

Uno dei più interessanti progetti di sceneggiatura collettiva è partito un po’ in sordina questa estate. Si tratta di Melt-a-plot, un progetto promosso da RAI Cinema e da Tempesta Film con il patrocinio della Cineteca di Bologna.

In occasione della Mostra del Cinema di Venezia, il 30 agosto il progetto è stato presentato così (qui in download il comunicato stampa):

Nasce Melt-a-Plot il nuovo gioco per fare cinema in internet: uno spazio di creatività collaborativa, un social game in cui i giocatori concepiscono, sceneggiano e creano un film, scegliendo anche gli attori, le musiche, le location, i costumi”.

 

.

Melt-a-plot è un grande gioco collettivo che punta a sviluppare altre forme di creatività sperimentando le potenzialità delle nuove tecnologie.

Il gioco parte dai video-incipit, brevi frasi che avviano la trama di un film, fornite con cadenza periodica sui canali Social di Melt-a-Plot da attori e registi che si sono fatti testimonial del progetto.

A seguire c’è quello di Fabio Troiano, gli altri video-incipit li trovate nel Canale YouTube dell’operazione (qui).

.

I giocatori inseriscono il loro contributo scegliendo uno tra gli incipit e partecipano scrivendo i propri frammenti di testo da 140 caratteri – chiamati brick nel sito – e continuando quanto già scritto dagli altri giocatori.

Mentre le trame crescono, Melt-a-Plot calcola il gradimento di ogni giocatore. Ogni volta che un contributo viene usato da un altro utente, ogni volta che qualcuno si aggancia ad un “brick” per continuare la storia, il punteggio dell’utente che ha creato quel contenuto cresce e fa ottenere nuovi “brick” per continuare a scrivere. Sembra complicato ma in realtà non lo è.

Il vincitore non sarà deciso da giudici o esperti ma dalla community che si sta via via costruendo attorno al progetto.
La storia più amata diventerà un film prodotto da tempesta con Rai Cinema ma non solo, con Melt-a-Plot infatti si vince un contratto per scrivere un film, stage sul film e perfino ruoli da attore.

Le istruzioni in un unico colpo d’occhio sono qui, che aspettate a partecipare? Io mi sono già iscritto!

.

Nel blog di Melt-a-plot tutti gli approfondimenti e le curiosità.
Immagini e video tratti a partire dal sito ufficiale.

Se siete a Roma lunedì 9 luglio, vi segnalo un’importante evento organizzato da IED Roma (la scuola dove insegno anch’io a Milano) e Cross-Media.it. Per un giorno infatti, la capitale si trasformerà nella capitale del Transmedia in occasione dello special Talking IED di Henry Jenkins, massimo esperto mondiale di culture partecipative e transmedialità per la prima volta a Roma.

Tema dell’incontro sarà: La Generazione Transmediale. Come i giovani creativi e la cultura partecipativa stanno cambiando il mondo attraverso i media. Con Jenkins interverrà e dialogherà Max Giovagnoli, coordinatore del corso triennale di Media Design dello IED di Roma, che spiega:

“Fare transmedia significa ideare forme di racconto distribuite su più media simultaneamente e capaci di mutare in base al linguaggio e al pubblico di ciascuno di essi. Trasformare prodotti creativi in grandi universi partecipativi in ambito globale”.

Henry Jenkins (qui la sua bio su Wikipedia) insegna alla University of Southern California ed è stato per anni co-direttore del Comparative Media Studies Program del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston. Il suo saggio Convergence Culture ha formato la nuova generazione di ricercatori e creativi in tutto il mondo. Recentemente ha creato il Participatory Culture and Learning Lab a Los Angeles e si sta occupando di New Media Literacy, di Media Activism e di Participatory Politics individuando i processi culturali, creativi e tecnologici che stanno cambiando il modo di raccontare storie della “generazione transmedia”, di cui è stato il primo teorizzatore.

La Transmedia Generation è formata da giovani creativi che stanno pensando, imparando, sviluppando nuovi strumenti di comunicazione e si stanno mobilitando politicamente in modo mai così autonomo e consapevole, grazie al loro maggiore controllo sulla costruzione di senso e contenuti, e sulla circolazione del sapere affidata in particolare ai new media. Transmedia mobilization, spreadable media, fan activism, participatory learning, viral media sono alcune delle parole chiave del nuovo vocabolario che sta segnando il passo di questa rivoluzione culturale, affidata alla participatory culture che la sta guidando e realizzando in tutto il mondo.

Sono sicuro che tornerò presto sui progetti che vedono Henry Jenkins come guru, visti gli argomenti particolarmente interessanti per i lettori di Partecipactive. Se volete seguirlo vi rimando al suo blog ufficiale Confessions of an Aca-Fan (qui). L’Aca-Fan altro non è che una creatura ibrida che in parte è un fan e in parte è un accademico.

Chissa se Henry Jenkins sarebbe contento del corso che tengo allo IED Milano nel Master Art & Copy Il potere della folla: come nei progetti collaborativi, grazie a Internet e al coinvolgimento degli utenti finali, cambiano i modelli di business, la comunicazione, il design, l’intrattenimento e la vita sociale.

.

L’evento si terrà il 9 luglio, dalle ore 18,30 alle 20,30 presso la scuola di Visual Communication dell’Istituto Europeo di Design di Roma in Via Alcamo 11. E’ gratuito e l’accesso è libero fino ad esaurimento posti.

Per informazioni:
Ufficio Comunicazione IED Roma
Francesca Castenetto // f.castenetto@roma.ied.it // Tel. 06.7024025
Max Giovagnoli // direttore@cross-media.it

.

Immagini tratte dal blog di Henry Jenkins.
Grazie a Francesco GRZ Grandazzi per la segnalazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: