Archivi per la categoria: 2013

Have you ever tried to convey the feeling of walking through your favorite park? Or have you wanted to create a virtual tour of your business to attract customers? Well, starting today, it’s now possible for you to build your own Street View experiences to do just that”.

Evan Rapoport, Google Maps Product Manager

Community-drive-Google-Maps-Street-Views-Constellation-Android-Photo-Sphere-via-Partecipactive

Dove la flotta di Google Car non arriva, arrivano le persone. A piedi, in bici, con intenti naturalistici o speculativi, da oggi chiunque può contibuire ad arricchire di immagini Google Street Views.

Lo ha annunciato pochi giorni fa in un post nel blog ufficiale (qui) Evan Rapoport, Product Manager di Google Maps. Per rendere tutto questo possibile Google ha regalato una nuova feature alla sua community appassionata di foto sferiche e ha reso il processo di pubblicazione da parte degli utenti delle foto su Street View il più facile possibile.

Usando un qualsiasi device Android e l’App Photo Sphere, chiunque può pubblicare su Street View una sequenza di immagini che restituiranno un incredibile panorama o un percorso tra le bellezze della propria città. La novità è che il processo di upload è diventato semplicissimo grazie all’interfaccia intuitiva che collega le singole immagini alla mappa creando un insieme definito Constellation.

Community-driven-Google-Maps-Street-Views-Constellation-Android-Photo-Sphere-via-Partecipactive

Con questa novità su Street View, Google continua a mappare il mondo con foto sempre più dettagliate. Le nostre.

.

Fonti: TechnoBuffalo, Crowdsourcing.org, GoogleMaps blog.

Annunci

Non tutto ciò che ruota attorno al crowdsourcing è perfettamente in linea con la sua filosofia. Può capitare infatti che diventi un termine da usare per dare un sapore innovativo a un progetto di comunicazione più che per definire un vero coinvolgimento della folla.
È secondo me, quello che è successo con Kinglish: the World’s First Crowd Sourced Font.

kinglish_crowdsourced-font_creation_kingfisher-via-partecipactive

Il font, creato per diventare quello ufficiale della nona edizione de The Great Indian Octoberfest 2013, è stato promosso dalla birra indiana Kingfisher Premium ed è nato nelle serate di festa nei Pub di Bangalore.

Nell’arco di un paio di settimane, nei locali della città indiana, migliaia di consumatori sono stati invitati a versare un po’ di birra e a disegnare con il fondo della bottiglia o del boccale delle lettere negli appositi sottobicchieri. E – ovviamente – a condividere le proprie creazioni nei social network.

kinglish_crowdsourced-font_design_kingfisher-via-partecipactive

Birra dopo birra, macchia dopo macchia, lettera dopo lettera, un nuovo alfabeto è venuto alla luce. Centinaia di sottobicchieri sono stati portati in uno studio di design per essere analizzati, classificati e selezionati. Quando la scelta è divenuta definitiva, l’intero alfabeto è stato fotografato, vettorializzato da un designer professionista e sviluppato come font.

L’intero processo che ha portato alla nascita Kinglish è nella case history che segue. Arrivate fino alla fine per scoprire il risultato finale.

.

Se avete notato, il font ha subito pesanti modifiche nello studio di design perdendo molto dello spirito originario. In fase di disegno sono stati infatti aggiunti elementi lineari e geometrici ai caratteri creati dagli utenti  con le macchie.

Parlare di progetto tradito forse è un po’ eccessivo, ma sicuro è che nessuno potrà mai dire: “Quella ‘B’ l’ho fatta io”.

.

Agenzia JWT Bangalore.
Fonti: Canale YouTube Kingfisher, DNA India, Lighthouse Insights e Crowdsourcing.org

Brazilian-Red-Cross-Cruz-Vermelha-Brazil-Artists-Crowdsourcing_via-Partecipactive

L’attività della Croce Rossa è l’esempio evidente di come l’aiuto che può offrire un’associazione alla sua comunità sia direttamente proporzionale al numero dei volontari che riesce a coinvolgere.

Per aumentare la notorietà delle attività che vengono svolte quotidianamente e per reclutare nuovi volontari, la Croce Rossa Brasiliana dello stato di São Paulo e l’agenzia Ageisobar hanno deciso di realizzare un film di 3 minuti dal grande impatto emotivo.

Ma come simboleggiare l’aiuto che ogni persona può dare? Coinvolgendo nella realizzazione del film di animazione 8 famosi artisti brasiliani: volontariato e crowdsourcing hanno molto in comune.

Il film d’animazione racconta la storia di un ragazzo e del suo cane.
A seguito di una tempesta la loro casa prende fuoco, finiscono in mare e vengono separati dagli eventi. Ma dopo varie peripezie vengono entrambi salvati da una serie di personaggi fantastici che aiutano ragazzo e cane a rincontrarsi e a ricostruire la propria casa.

Gli artisti coinvolti (Clan vfx, Manoel Quiterio, Lambuja, Eli, Gra Mattar, Fernanda Guedes, Sone e Techno Image) hanno disegnato i personaggi che simboleggiano nel corso della storia l’aiuto che ognuno può dare alla Croce Rossa, esattamente come hanno fatto loro per la riuscita del film.

Buona visione!

.
.

Grazie all’ottimo blog Follia Creativa per la segnalazione.

Credits. Cliente: Cruz Vermelha Brazil (São Paulo). Agenzia: Ageisobar (São Paulo). Creative Director: Carlos Domingos. Art Director: Henrique Mattos. Copywriter: Daguito Rodrigues. Agency Producer: Juliana D’Antino. Production: André Pulcino. Director: Luciano Neves. Production Company: CLAN vfx. Music e Sound Design: Happy Together Musica.

Springsteen_and_I-movie_poster-via_partecipactive

Springsteen & I è un docufilm diretto da Baillie Walsh che racconta la vita e la carriera di Bruce Springsteen.

Fin qui tutto normale: il Boss è un grande artista, ha decine di milioni di fan, sono 40 anni che calca i palcoscenici del pianeta e un tributo del genere è doveroso. Ciò che ha di speciale questo film è che lo fa attraverso gli occhi, i video e le foto personali e le opinioni dei suoi fan in tutto il mondo.

.

Il film, uscito nelle sale cinematografiche il 22 luglio 2013, è prodotto da Ridley Scott e dalle case di produzione Ridley Scott Associates, Black Dog Films e Scott Free Productions. Se siete appassionati di progetti di cinema partecipativo il nome del produttore ma soprattutto quello della Scott Free Production vi faranno subito pensare a Life in a Day, il film realizzato conclip filmate girate dagli utenti, che ha ispirato il film di Walsh ma anche il recentissimo italianissimo Italy in a Day (ne parlo qui).

La raccolta dei materiali dei fan, fotografie, video, pensieri e riflessioni su come la musica del Boss ha influito nella loro vita, è avvenuta tramite Internet e il social network. Questa la call-to-action diretta ai fan da Welsh in persona:

We are searching for a wide variety of creative interpretations, captured in the most visually exciting way you can think of, whether you’ve been a hardcore Tramp since ’73 or have heard one of his songs for the first time today!
If you have a parent, a sibling, a neighbor or a colleague who has an interesting tale, we want to know about them. If you can’t use a camera or are not sure how to capture your story then get in touch and we will link you up with someone who can!”

springsteen-&-I-youtube-trailer_via-partecipactiveIl successo dell’operazione è stato enorme e in due settimane la produzione, attraverso la piattaforma online (qui), ha ricevuto dai fan migliaia di contributi per un totale di 300 ore di girato. Quantità che non ha spaventato Walsh, che ogni giorno per 6 mesi, ha visionato e ascoltato le storie dei fan e ha contribuito a girare – come promesso nella call-to-action – quelle dei meno tecnologici.

Molto del materiale inviato è presente nel sito dell’iniziativa in un poster interattivo che è un vero tributo ai fan e alla loro passione per The Boss. Lo potete vedere qui.

Springsteen_and_I-interactive_poster-via_partecipactive

.

Articoli correlati: Fatto dai fan per i fan. Live in Praha, il DVD crowdsourced dei Radiohead. Con NatGeo un ‘instant doc’ partecipativo per raccontare la tragedia della Costa Concordia.

Materiali fotografici e video tratti dal sito Springsteen & I e dal relativo canale YouTube.

Natalia_project-Civil Rights Defenders-via partecipactive-crowdsourced protection

I think most of us would like to do something when we hear what these civil rights defenders do and what they risk. But, it happens so far away and there’s so much going on in everyone’s everyday life already. The Natalia Project makes it easy for anyone to contribute, in a very direct way, to the lives of civil rights defenders at risk today.”

Robert Hårdh, Executive Director
of Civil Rights Defenders

.

The Natalia Project, chiamato così in onore dell’attivista per i diritti umani Natalia Estemirova rapita e uccisa in Cecenia nel 2009, è il primo sistema di protezione degli attivisti dei diritti civili e politici alimentato dalla rete e dai social network.

Il progetto è promosso da Civil Rights Defenders, un’organizzazione indipendente svedese attiva dal 1982 nella difesa dei diritti civili e politici non solo nel proprio paese ma anche in Asia (Centrale e Sud est), Est Africa, Balcani e Est Europa.

Se avete poco tempo per conoscere questo progetto guardate solo il video che segue.

.

Per proteggerli, gli attivisti a rischio di rapimento o aggressione, vengono dotati di uno speciale braccialetto.

In caso di attacco, il braccialetto viene attivato e lancia un allarme – segnalando l’esatta localizzazione GPS – direttamente alla sede di Civil Rights Defenders a Stoccolma e ai sostenitori che hanno aderito al progetto e che si trovano nelle vicinanze. L’abilità di agire rapidamente in situazioni come queste può fare la differenza tra la vita e la morte.

CRD_Natalia_2_basic-via-partecipactive

Ciò che rende unico il braccialetto è che una volta attivato, lancia automaticamente un update agli account Facebook e Twitter del Natalia Project. Questo significa che in pochi istanti centinaia di migliaia di persone vengono a conoscenza di quanto sta accadendo ad un dato attivista e possono iniziare immediatamente a rivolgere pressioni politiche ai colpevoli. Se c’è una cosa che regimi e dittature cercano di evitare ad ogni costo è l’attenzione internazionale per le loro “politiche interne”. Questo fa del progetto una sorta di “protezione virtuale” agli attivisti a rischio.

Nella tavola che segue è spiegato, anche con particolari tecnici, come funziona l’intero progetto. Ingranditela cliccandoci sopra.

CRD_NATALIA_long_Eng-via-partecipactive_crowdsourced-activismI primi braccialetti sono stati distribuiti alla Civil Rights Defenders’ conference, Defenders’ Days, che si è tenuta a Stoccolma dal 2 al 5 aprile 2013. Il progetto prevede di equipaggiare altri 55 difensori dei diritti civili entro la fine del 2014.

Inutile dire quanto sia importante la ricerca di sponsor e finanziatori, potete farlo anche voi nell’apposita sezione del sito del progetto (qui). Se invece volete supportare il progetto grazie ai social media, seguite il progetto su Facebook (qui) o Twitter (qui).

.

Immagini e informazioni tratte dal presskit e dal sito del progetto.
Agenzia RBK Stockholm.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: