Archivi per la categoria: Food & Drink

My-Burger-McDonalds-UK-homepage_crowdsourcing_hamburger-via-partecipactive

McDonald’s UK ha lanciato il 20 maggio My Burger, un’operazione di crowdsourcing che invita la fanbase a creare un hamburger originale da affiancare al Big Mac in 1200 ristoranti britannici a partire dal prossimo ottobre 2014.

Grazie a un’applicazione online (qui), i burgerofili possono combinare ben 80 tipi di ingredienti diversi, dal pane, alle salse, passando per verdure e guarnizioni. Ci sono persino il chorizo, il guacamole e l’ananas e un milione di possibilità di creare l’hamburger ideale da far votare nella community.

I 12 inventori più votati andranno alla fase finale e saranno invitati a perfezionarli nella McDonald’s Test Kitchen con l’aiuto degli chef della compagnia. Grazie alla giuria capeggiata dall’ex rugbista Phil ‘Raging Bull’ Vickery, vincitore del Celebrity MasterChef UK 2011, i 5 hamburger vincitori saranno proposti nei ristoranti Mc Donald’s per 5 settimane.

Nel video che segue il suo endorsement all’operazione e una breve spiegazione alle funzionalità dell’online burger builder.

Grazie a un vero e proprio configuratore di panini (qui) è facile realizzare la propria creazione, dargli un nome e coinvolgere gli amici dei social network allo scopo di salire le posizioni della classifica popolare grazie ai loro voti. E ovviamente, promuovere l’iniziativa.

Non è forse questo l’aiuto che di solito rendono i fan ai brand partecipando alle loro iniziative partecipative?

My-Burger-McDonalds-UK_burger_builder_crowdsourcing_hamburger-via-partecipactive-1

My-Burger-McDonalds-UK_burger_builder_crowdsourcing_hamburger-via-partecipactive-2My-Burger-McDonalds-UK_burger_builder_crowdsourcing_hamburger-via-partecipactive-3

Ogni panino creato entra nella gallery (qui) che li raccoglie suddivisi per categoria e caratteristiche organolettiche.

Dopotutto le caratteristiche che esaltano la qualità del prodotto – vero fine secondo me di questa campagna – sono sempre presenti e raggiungibili negli approfondimenti di ogni creazione.

My-Burger-McDonalds-UK-gallery_crowdsourcing_hamburger-via-partecipactive

Dal 15 ottobre 2014 i 5 hamburger finalisti saranno nei ristoranti McDonald’s per 5 settimane.

Come previsto ne rimarrà soltanto uno, chi sarà il vincitore?

.
My-Burger-McDonalds-UK-gallery_crowdsourcing_hamburger-finalist-05_via-partecipactive My-Burger-McDonalds-UK-gallery_crowdsourcing_hamburger-finalist-04_via-partecipactive My-Burger-McDonalds-UK-gallery_crowdsourcing_hamburger-finalist-03_via-partecipactive My-Burger-McDonalds-UK-gallery_crowdsourcing_hamburger-finalist-02_via-partecipactive My-Burger-McDonalds-UK-gallery_crowdsourcing_hamburger-finalist-01_via-partecipactive

.

Fonte Sito McDonald’s UK. Immagini tratte da My Burger. Video tratto dal canale YouTube di McDonald’s UK .

cover-pagina-facebook-ridateci-winner-taco-via-partecipactive

Il gelato più buono del mondo è finito fuori produzione. Perché?
Lo rivogliamo in commercio.

1. La prima regola di Ridateci il Winner Taco è che dovete sempre parlare di Ridateci il Winner Taco.

2. La seconda regola di Ridateci il Winner Taco è che dovete SEMPRE parlare di RIdateci il Winner Taco […]”

Dalle informazioni sulla Facebook fan Page
“Ridateci il Winner Taco” (continua qui).

.

I brand coinvolgono spesso i loro fan. Se frequentate questo blog lo sapete e definizioni come Creative Consumer Participation, Marketing collaborativo o Crowd-driven Projects vi sono comuni.

Con sottili differenze, progetti che fanno capo a queste categorie partecipative (qui, qui e qui potete scoprirne diverse applicazioni) prevedono che siano i brand a coinvolgere consumatori e fan. Che si tratti di contest, advertising, lanci o promozione di nuovi prodotti, è sempre il brand a dettare le regole e a decidere dove settare il limite del loro coinvolgimento e il grado di libertà che possono avere. Raramente avviene l’esatto opposto.

Non è il caso della campagna per riportare in commercio il Winner Taco la prossima estate perchè non è nata non in casa Algida, ma nella fan page Facebook “Ridateci il Winner Taco” (qui), probabilmente il caso più eclatante di Fan activism visto in Italia e la più divertente dimostrazione di consumatori al potere dai tempi del viaggio in Alaska di Pittbull. Ma questa è un’altra storia.
E ora vi voglio raccontare solo quella del Winner Taco e di cosa è riuscito a fare il popolo dei social network.

ridateci-il-winner-taco-algida-crowd-fan-activism-via-partecipactive

Ridateci il Winner Taco.

Nell’aprile 2011 Alessandro e Daniele creano la pagina Facebook “Ridateci il Winner Taco” (qui) e lanciano una petizione su Petitiononline.com (qui). Lo scopo è la reintroduzione sul mercato di Winner Taco entro l’estate 2012.
La risposta dei fan è poca cosa pensando agli oltre 11 mila fan attuali, ma i toni sono da guerra santa e la loro una fede vera.

.
post-ridateci-winner-taco-facebook-via-partecipactive-crowd-power

Il gruppo cresce e gli inviti a chiamare il numero verde di Unilever sono espliciti: non si scherza c’è un numero verde, un messaggio da recapitare, e un gelato da riavere.

I fan vengono invitati a ribadire la richiesta in tutti i modi possibili e attraverso ogni canale aperto da Algida: segreterie telefoniche di concorsi, pagine Facebook di altri prodotti e iniziative. Anche attraverso una campagna di stickering sui frigo e nei bar.

stickering ridateci il winner taco algida crowd power via partecipactive

La pagina Facebook di Algida (qui) è la più bombardata dalle richieste dell’esercito di taco troll in missione per conto del loro dio.
Non c’è post pubblicato che non contenga nei commenti decine di richieste per il ritorno del Winner Taco. Per i community manager un vero incubo, per Algida una richiesta sempre più pressante.

winner-taco-troll-attack-algida-facebook-page-via-partecipactive

Il tempo passa e nonostante i divertenti visual post della pagina “Ridateci il Winner Taco” coinvolgano da Obama a Belen passando da Berlusconi al Papa, Balotelli, famosi meme e film ancora nessuna risposta da Algida.

visual-post-pagina-FB-ridateci-winner-taco-obama-belen-berlusconi-balotelli-miley-cyrus-via-partecipactive

Così si giunge all’inizio del 2014 quando sulla pagina ufficiale di Algida appaiono due post davvero significativi. Che i fan di “Ridateci il Winner Taco” abbiano avuto ragione della multinazionale facendole sentire il loro “caldo” affetto per un prodotto ritirato troppo presto dal commercio?

winner-taco-algida-facebook-fan-page-via-partecipactive

Pochi giorni dopo arriva la conferma del ritorno del Winner Taco con una grandiosa installazione a Roma al Ponte Milvio e un post inequivocabile sulla pagina Facebook ufficiale di Algida..

winner-taco-ponte-milvio-roma-via-partecipactiveridateci-winner-taco-post-pagina-facebook-algida-via-partecipactive Come Coca-Cola?

Nella foto del Ponte Milvio, in pellegrinaggio davanti al monolite tachiano, gli amministratori della pagina che ancora non ha finito di stupirci. E’ di poche ore fa la notizia di un save the date per un evento previsto per il 7 febbraio 2014 rivolto a pochi fan/soldati/fedeli selezionati. Sarà un ri-assaggio in anteprima del gelato creduto estinto che potrebbe tornare in commercio a fine marzo?
Pare proprio di si.

evento-winner-taco-via-partecipactive-crowd-power

Ma che fine farà la pagina “Ridateci il Winner Taco”?
Diventerà quella ufficiale e i due amministratori ne diventeranno i community manager come è successo nel 2008 (qui la storia) con la pagina di Coca-Cola?

Sicuramente lo meritano. E non solo per aver guidato con così tanta tenacia e con il linguaggio giusto il sentimento popolare. Grazie alla passione hanno creato una case history che ha trasformato i consumer in veri e propri prosumer dimostrando per la prima volta in Italia (a chi avesse avuto dei dubbi), come il potere della folla possa influire anche sui progetti industriali di una multinazionale.

.

Fonte e immagini: “Ridateci il Winner Taco” Facebook Fan Page e pagina Facebook ufficiale Algida.

Non tutto ciò che ruota attorno al crowdsourcing è perfettamente in linea con la sua filosofia. Può capitare infatti che diventi un termine da usare per dare un sapore innovativo a un progetto di comunicazione più che per definire un vero coinvolgimento della folla.
È secondo me, quello che è successo con Kinglish: the World’s First Crowd Sourced Font.

kinglish_crowdsourced-font_creation_kingfisher-via-partecipactive

Il font, creato per diventare quello ufficiale della nona edizione de The Great Indian Octoberfest 2013, è stato promosso dalla birra indiana Kingfisher Premium ed è nato nelle serate di festa nei Pub di Bangalore.

Nell’arco di un paio di settimane, nei locali della città indiana, migliaia di consumatori sono stati invitati a versare un po’ di birra e a disegnare con il fondo della bottiglia o del boccale delle lettere negli appositi sottobicchieri. E – ovviamente – a condividere le proprie creazioni nei social network.

kinglish_crowdsourced-font_design_kingfisher-via-partecipactive

Birra dopo birra, macchia dopo macchia, lettera dopo lettera, un nuovo alfabeto è venuto alla luce. Centinaia di sottobicchieri sono stati portati in uno studio di design per essere analizzati, classificati e selezionati. Quando la scelta è divenuta definitiva, l’intero alfabeto è stato fotografato, vettorializzato da un designer professionista e sviluppato come font.

L’intero processo che ha portato alla nascita Kinglish è nella case history che segue. Arrivate fino alla fine per scoprire il risultato finale.

.

Se avete notato, il font ha subito pesanti modifiche nello studio di design perdendo molto dello spirito originario. In fase di disegno sono stati infatti aggiunti elementi lineari e geometrici ai caratteri creati dagli utenti  con le macchie.

Parlare di progetto tradito forse è un po’ eccessivo, ma sicuro è che nessuno potrà mai dire: “Quella ‘B’ l’ho fatta io”.

.

Agenzia JWT Bangalore.
Fonti: Canale YouTube Kingfisher, DNA India, Lighthouse Insights e Crowdsourcing.org

Cosa succede se il tuo brand di birra è leader in un’intera nazione – il Mexico – ma non lo è nelle province di Guadalajara e Leon, due delle più grandi?
Cosa fai se dopo un blind test dove all’assaggio la tua birra risulta la migliore di tutti e scopri che semplicemente, i consumatori odiano la tua birra? Non c’è campagna pubblicitaria che possa cambiare una repulsione così profonda anche se ingiustificata. Come fare se le persone odiano il prodotto che per Sol è come un figlio?

Coinvolgere i consumatori nella realizzazione di un prodotto che diventi in queste province figlio degli stessi consumatori. Per questo, dopo aver ritirato la Sol classica dal mercato, è stato creato nel 2008 un vero laboratorio, il Sol Lab, dove gli utenti potevano decidere come avrebbe dovuto essere la loro Sol, scegliendone la bottiglia, l’etichetta e ovviamente il gusto.
Il tutto attraverso una piattaforma partecipativa online e offline (un truck che porta loro il Lab) e i focus group realizzati in bar e club, Sol ha ricevuto i pareri di 226.000 persone per creare la loro birra ideale.
I risultati sono stati sorprendenti: +48% di vendite per la Sol 2 (la birra creata nel lab), 7 consumatori su 10 hanno cambiato idea e da quarta posizione a seconda nei consumi in quelle province, come a dimostrare che nessuno odia il proprio figlio!

[UPDATE – La Videocase di Sol Lab non è più online, ma ho trovato questo servizio dal programma Sobre la cancha della televisione messicana CB televisión Michoacán che racconta tutto il progetto (dal minuto 0:41 al 3:53).]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: