Manchester-United-Front-Row-Google+-crouwdsourced-fan-activism-via-partecipactive

Il Manchester United, in collaborazione con Google ha lanciato il 3 marzo 2014 una campagna su Google+ rivolta ai tifosi dei red devils si ogni paese. Lo scopo? Quello di portarli dove non sono mai stati: a tifare all’Old Trafford. 

Manchester-United-Front-Row-Google+-crouwdsourced-fan-activism-call-to-action_via-partecipactive

Per farlo ha richiesto ai tifosi di pubblicare su Google+ una loro foto per dimostrare “love, passion and commitment” al team aggiungendo l’hashtag #MUFrontRow.

22 di loro, scelti tra tutti i partecipanti, sono stati collegati con un hangout al rettangolo di gioco durante la partita Manchester Utd. Liverpool.

I primi fan a far parte dell’iniziativa – tanto vicini all’azione da stupire gli stessi giocatori – sono stati 22. Nel video che segue, oltre alla case completa, il racconto delle passione di Lee e Thendo dal Sud Africa, Nina dall’Etiopia, Jorge dal Messico, Luis dalla Malesia, Maria dagli Stati Uniti e Hefani dalla Nabibia.

L’iniziativa al suo debutto di domenica 16 marzo 2014 non ha portato eccessiva fortuna allo United che ha perso 3 a 0; ma per fortuna non finisce qui.

La campagna è ongoing e sono sicuro che alla fine i tifosi ‘non residenti’ riusciranno a portare fortuna alla loro squadra grazie a una passione che non conosce confini.

 

Grazie a @simonamelani per la segnalazione.
Video tratto dal canale YouTube di Google UKe dalla pagina Google+ del Manchester Utd.

 

 

mappa-ricerche-tomnod-aereo-scomparso-via-partecipactive

DigitalGlobe è una compagnia americana specializzata nell’acquisizione e vendita di immagini dallo spazio e di contenuti geospaziali. Ha i propri satelliti e collabora con enti come il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, la Nasa e compagnie private come Google.
La maggior parte delle immagini satellitari ad alta risoluzione di Google Earth e Google Maps provengono dai suoi archivi in continuo aggiornamento, così come quelle in vendita nel sito specializzato in fotografia aerea TerraServer.

Poco dopo la sparizione nei cieli tra la Malesia e Pechino del Boeing 777  della Malaysia Arlines, DigitalGlobe ha deciso di raccogliere una nuova serie di immagini della zona del probabile incidente aereo. E le ha caricate nella sua piattaforma di crowdsourging Tomnod e ha invitato volontari e appassionati ad osservare con cura le immagini di migliaia di chilometri del mare del golfo del Siam alla ricerca di indizi.

Lo scopo è quello di provare a risolvere, con la disponibilità del più grande gruppo di persone possibile, il mistero del volo MH 370. Centinaia di migliaia di occhi in più che si aggiungono a quelli di militari e forze di soccorso che ogni giorno fanno su è giù con navi e aerei nello stesso mare.

tomnod-homepage-update-via-partecipactive

Tomnod è una piattaforma di crowdsourcing non molto diversa da quelle di progetti simili. NASA Clickworkers, una delle prime della storia del crowdsourcing, già nel 2000 funzionava in modo molto simile e richiedeva l’analisi e la misurazione dei crateri di Marte. Ma il punto non è l’interfaccia, sono i dati a disposizione.
Allora come oggi sono immagini eccezionali, e in questo caso anche ad alta risoluzione, scattate dallo spazio e aggiornate nella piattaforma in tempo quasi reale.

.crowdsourcing-missing-airplane-malaysian-airlines-tomnod-homepage-via-partecipactivecrowdsourcing-missing-airplane-malaysian-airlines-tomnod-via-partecipactive-volunteer

La piattaforma Tomnod ha un’usabilità elevata ed è chiara nelle istruzioni. Si può partecipare senza loggarsi e anche se si hanno solo pochi minuti liberi, si può contribuire comunque in modo significativo alle ricerche.

Grazie a un’interfaccia molto semplice, la superficie del pianeta viene presentata ai volontari suddivisa in piccole porzioni rettangolari di meno di mezzo chilometro quadrato. Il sistema fornisce all’utente una zona in modo randomico da osservare e mette a disposizione 4 semplici strumenti per segnalare – e indicare nella mappa – tracce di relitti, gommoni di salvataggio, chiazze di carburante o altro di interessante o sospetto.

DigitalglobeTomnodMalaysianAircraft-via-partecipactive

L’area di ricerca è pari a 24.000 chilometri quadrati di immagini in continuo aggiornamento e al momento le persone coinvolte nella campagna di ricerca sono oltre 2 milioni. Quando l’analisi di ogni pixel delle foto satellitari a disposizione è completata, la piattaforma viene chiusa per il caricamento di nuove immagini.

Durante la manutenzione la conversazione si sposta sui social network (qui e qui) e vengono rilasciati file .kmz che aperti con Google Earth restituiscono sulla mappa tutte le segnalazioni dei volontari digitali.

crowdsourcing-missing-airplane-malaysian-airlines-tomnod-via-partecipactive-thank-you risultati-tomnod-google-earth-malaysian-airlines-aereo-scomparso

L’unione fa la forza e spesso l’intelligenza collettiva (ne ho parlato anche qui) ha risolto quesiti all’apparenza impossibili.

Succederà anche questa volta?
Non sarebbe la prima per il popolo di Tomnod.

.

[ U P D A T E ] 

Per seguire gli aggiornamenti della campagna di ricerca di Tomnod e conversare con altri appasionati, il luogo più indicato è la pagina Facebook di Tomnod (qui).

Per le nuove teorie dulla scomparsa dell’MH370 sto seguendo l’evolversi della situazione su Il Post che sta documentando molto bene la vicenda (qui) e gli articoli di Jeff Wise nel magazine Slate (qui).

.

Fonte e immagini: Blog di DigitalGlobe, Pagina Facebook e Piattaforma Tomnod.
Grazie a @francescoGRZ per la segnalazione.

PornHub Creative Director Challenge_submissioni 04

Traditionally, porn has been a taboo subject – but the fact is, over 35 million people visit Pornhub.com everyday! How do we reach the next 35 million? We need a national advertising campaign that can be channeled through mainstream media”.

Dal brief del contest
PornHub Creative Director Challenge

PornHub ha lanciato alla fine di febbraio un contest per trovare il Direttore Creativo del sito porno numero uno al mondo e offrirgli un contratto annuale.

Il suo compito sarà quello di realizzare una campagna pubblicitaria mainstream, adatta ad ogni tipo di pubblico e età, per promuovere il sito di video sharing porno numero 1 al mondo.

.
PornHub-Campaign-crowsourced-advertising-via-Partecipactive-CTA

Non è la prima volta che PornHub ricorre all’aiuto della folla e dei fan: è già capitato per Save the Boobs (qui). Questa volta, per la selezione è stato scelto di utilizzare i meccanismi del crowdsourced advertising, con il coinvolgimento della fan base attraverso i canali proprietari – per primo il blog – e una campagna di digital PR.

Un dettagliato brief (qui) prevede la creazione di una campagna pubblicitaria da veicolare nei media tradizionali come affissione, stampa, dinamica e anche TV.

La peculiarità della campagna richiesta non è tanto scontata se conoscete – o fate finta di non conoscere – la pubblicità che si vede abitualmente nei siti per adulti. Questa dovrà infatti rivolgersi a un pubblico molto vasto, non avere immagini di nudo e non dovrà incorrere mai nei meccanismi della censura.

Un’ulteriore sfida nella sfida per il contest che chiude il 31 marzo 2014.

PornHub Campaign crowsourced advertising via Partecipactive Print ads

Per raccogliere e mostrare i contributi inviati dai candidati è stato aperto un tumblrlog nella piattaforma di microblogging tumblr.
Oltre alla gallery, ci sono le regole e il brief per partecipare. Trovate tutto qui. Il concetto da comunicare è semplice: “nel porno c’è qualcosa di interessante per chiunque e PornHub è il sito dove trovarlo gratuitamente quando, dove e come si vuole”.

L’esempio per far comprendere il giusto livello di humour è invece l’annuncio stampa qui sopra. Il pubblico è invece quello che non conosce PornHub.

Semplice?

PornHub Creative Director Challenge_submissioni 02 Alcune campagne sono davvero geniali, altre un po’ meno.
Alcune completamente fuori strada ma troppo divertenti, altre troppo autoreferenziali.

Ognuna racconta l’arte e lo spirito del direttore creativo che collaborerà con il marketing team del sito. Il passo difficile sembra quello di realizzare qualcosa davvero mainstream per rivolgersi ai 35 milioni che ancora non sanno cos’è PornHub.

A giudicare da quanto è stato pubblicato finora nella Gallery, sembrano più esercizi per convincere affezionati utenti a spostarsi da un portale all’altro che una vera campagna per convincere i famosi 35 milioni.
Sarà questa la soluzione?

PornHub Creative Director Challenge_submissioni 05

Chissà chi riuscirà a indovinare il brief. E poi. Avrà ragione chi dice che queste operazioni sono destinate a risultati deludenti per la qualità del lavoro o chi dice che dipende solo dalla quantità dei partecipanti? Io dico che tra 38 milioni un genio dell’advertising con voglia di partecipare c’è di sicuro!

Giudicate voi su pornhubcampaign.tumblr.com.

.PornHub Creative Director Challenge_submissioni 03PornHub Creative Director Challenge_submissioni 01 PornHub Creative Director Challenge_submissioni 06 Tutte le immagini e le informazioni sono tratte da pornhubcampaign.tumblr.com.

cover-pagina-facebook-ridateci-winner-taco-via-partecipactive

Il gelato più buono del mondo è finito fuori produzione. Perché?
Lo rivogliamo in commercio.

1. La prima regola di Ridateci il Winner Taco è che dovete sempre parlare di Ridateci il Winner Taco.

2. La seconda regola di Ridateci il Winner Taco è che dovete SEMPRE parlare di RIdateci il Winner Taco [...]“

Dalle informazioni sulla Facebook fan Page
“Ridateci il Winner Taco” (continua qui).

.

I brand coinvolgono spesso i loro fan. Se frequentate questo blog lo sapete e definizioni come Creative Consumer Participation, Marketing collaborativo o Crowd-driven Projects vi sono comuni.

Con sottili differenze, progetti che fanno capo a queste categorie partecipative (qui, qui e qui potete scoprirne diverse applicazioni) prevedono che siano i brand a coinvolgere consumatori e fan. Che si tratti di contest, advertising, lanci o promozione di nuovi prodotti, è sempre il brand a dettare le regole e a decidere dove settare il limite del loro coinvolgimento e il grado di libertà che possono avere. Raramente avviene l’esatto opposto.

Non è il caso della campagna per riportare in commercio il Winner Taco la prossima estate perchè non è nata non in casa Algida, ma nella fan page Facebook “Ridateci il Winner Taco” (qui), probabilmente il caso più eclatante di Fan activism visto in Italia e la più divertente dimostrazione di consumatori al potere dai tempi del viaggio in Alaska di Pittbull. Ma questa è un’altra storia.
E ora vi voglio raccontare solo quella del Winner Taco e di cosa è riuscito a fare il popolo dei social network.

ridateci-il-winner-taco-algida-crowd-fan-activism-via-partecipactive

Ridateci il Winner Taco.

Nell’aprile 2011 Alessandro e Daniele creano la pagina Facebook “Ridateci il Winner Taco” (qui) e lanciano una petizione su Petitiononline.com (qui). Lo scopo è la reintroduzione sul mercato di Winner Taco entro l’estate 2012.
La risposta dei fan è poca cosa pensando agli oltre 11 mila fan attuali, ma i toni sono da guerra santa e la loro una fede vera.

.
post-ridateci-winner-taco-facebook-via-partecipactive-crowd-power

Il gruppo cresce e gli inviti a chiamare il numero verde di Unilever sono espliciti: non si scherza c’è un numero verde, un messaggio da recapitare, e un gelato da riavere.

I fan vengono invitati a ribadire la richiesta in tutti i modi possibili e attraverso ogni canale aperto da Algida: segreterie telefoniche di concorsi, pagine Facebook di altri prodotti e iniziative. Anche attraverso una campagna di stickering sui frigo e nei bar.

stickering ridateci il winner taco algida crowd power via partecipactive

La pagina Facebook di Algida (qui) è la più bombardata dalle richieste dell’esercito di taco troll in missione per conto del loro dio.
Non c’è post pubblicato che non contenga nei commenti decine di richieste per il ritorno del Winner Taco. Per i community manager un vero incubo, per Algida una richiesta sempre più pressante.

winner-taco-troll-attack-algida-facebook-page-via-partecipactive

Il tempo passa e nonostante i divertenti visual post della pagina “Ridateci il Winner Taco” coinvolgano da Obama a Belen passando da Berlusconi al Papa, Balotelli, famosi meme e film ancora nessuna risposta da Algida.

visual-post-pagina-FB-ridateci-winner-taco-obama-belen-berlusconi-balotelli-miley-cyrus-via-partecipactive

Così si giunge all’inizio del 2014 quando sulla pagina ufficiale di Algida appaiono due post davvero significativi. Che i fan di “Ridateci il Winner Taco” abbiano avuto ragione della multinazionale facendole sentire il loro “caldo” affetto per un prodotto ritirato troppo presto dal commercio?

winner-taco-algida-facebook-fan-page-via-partecipactive

Pochi giorni dopo arriva la conferma del ritorno del Winner Taco con una grandiosa installazione a Roma al Ponte Milvio e un post inequivocabile sulla pagina Facebook ufficiale di Algida..

winner-taco-ponte-milvio-roma-via-partecipactiveridateci-winner-taco-post-pagina-facebook-algida-via-partecipactive Come Coca-Cola?

Nella foto del Ponte Milvio, in pellegrinaggio davanti al monolite tachiano, gli amministratori della pagina che ancora non ha finito di stupirci. E’ di poche ore fa la notizia di un save the date per un evento previsto per il 7 febbraio 2014 rivolto a pochi fan/soldati/fedeli selezionati. Sarà un ri-assaggio in anteprima del gelato creduto estinto che potrebbe tornare in commercio a fine marzo?
Pare proprio di si.

evento-winner-taco-via-partecipactive-crowd-power

Ma che fine farà la pagina “Ridateci il Winner Taco”?
Diventerà quella ufficiale e i due amministratori ne diventeranno i community manager come è successo nel 2008 (qui la storia) con la pagina di Coca-Cola?

Sicuramente lo meritano. E non solo per aver guidato con così tanta tenacia e con il linguaggio giusto il sentimento popolare. Grazie alla passione hanno creato una case history che ha trasformato i consumer in veri e propri prosumer dimostrando per la prima volta in Italia (a chi avesse avuto dei dubbi), come il potere della folla possa influire anche sui progetti industriali di una multinazionale.

.

Fonte e immagini: “Ridateci il Winner Taco” Facebook Fan Page e pagina Facebook ufficiale Algida.

Ferrari Formula 1 2014 crowd driven via partecipactive

E’ di pochi giorni fa la notizia che il nome della prossima monoposto Ferrari Formula 1 con cui  Fernando Alonso e Kimi Raikkonen cercheranno di vincere il titolo iridato, sarà scelto dai tifosi di tutto il mondo della casa di Maranello.

Per la prima volta nella storia della Scuderia Ferrari sarà possibile scegliere il nome preferito in modalità crowd-driven attraverso il sito ferrari.com e i canali Twitter e Facebook della Scuderia, scegliendo tra le 5 proposte: F14 T, F14 Maranello, F14 Scuderia, F166 Turbo, F616.

Ferrari-F1-vota-il-nome-via-Partecipactive

Il nome che avrà ottenuto più preferenze sarà legato indissolubilmente ai desideri dei tifosi che – come spiega la Ferrari nel sito ufficiale – avranno la possibilità di lasciare il segno nell’avventura della scuderia nel 2014.

Le votazioni dei cinque nomi termineranno il 24 gennaio e alle ore 12:00 sapremo il nome di battesimo della nuova Ferrari F1 2014 2015.

Un grande segno di apertura della scuderia italiana nei confronti dei suoi tifosi con lo scopo di farli sentire più coinvolti dopo qualche stagione deludente. Io ho scelto (qui) F14 Maranello, e voi?

.

[Update]

Il nome scelto dai tifosi per la sessantesima Ferrari della storia di Formula 1 è F14 T.

Nel sito (qui) potrete scoprire foto, video, scheda tecnica e le immagini 360°. Enjoy!

.

Fonte, immagini e video sito Scuderia Ferrari.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 70 follower